• R.L.

Cambio di stagione: un piccolo esercizio per rinnovare il tuo guardaroba interiore


Alza la mano se non ha mai provato antipatia per l’autunno!

Le temperature si abbassano, le giornate sono sempre più corte e si aggiungono strati ai tuoi vestiti.

Senza parlare di quelle sgradevoli sensazioni legate alla ripresa del lavoro e delle altre attività, accompagnate da stanchezza, sonnolenza e…previsioni per il futuro.

Oltre ai segnali del corpo che si adatta ai mutamenti climatici e ai nuovi ritmi, il peso di questa stagione è aggravato proprio dal pensare troppo agli obiettivi che hai davanti a te, a come raggiungerli e a tutte le incertezze legate a questi possibili percorsi.

Proprio come la rivoluzione che avviene nel tuo guardaroba, questa fase può essere l’occasione per rivalutare le tue scelte e “dare una sistemata” al tuo equilibrio interiore.

Proviamo insieme a fare un piccolo esercizio seguendo la metafora del cambio di stagione come indicativo del tuo attuale modo di vivere e di pensare alla vita. Ti occorrono solo un foglio e una penna.

Pronto? Iniziamo!


1- METTERE VIA (GLI ABITI ESTIVI)

Possono esserci molti vissuti, sensazioni, eventi, obblighi e anche persone che non ti occorrono più e appesantiscono il tuo percorso.

Guardali bene e trova il modo più funzionale per collocarli dove non diano più ingombro. Ricorda però di riporli con cura proprio come si fa con i vestiti, per ritrovarli sani e salvi il prossimo anno. Niente strappi improvvisi o decisioni affrettate per il momento!

Prendi il foglio e inizia col farne un elenco dettagliato, in modo da visualizzarli e darti il tempo di ascoltare le sensazioni che ti evocano.


2- RICICLARE O ELIMINARE IL SUPERFLUO

Sulla scia di queste emozioni togli di mezzo senza indugio quello che non ti serve più, che ti suscita maggiore avversione. In che modo? Facendo un bel tratto sopra quel punto dell’elenco e chiedendoti come, nella tua vita, quella cosa possa considerarsi “eliminata”.

Hai una scadenza di lavoro che ti rende molto ansioso? Allora dovrai prendere in mano il prima possibile questa faccenda, portarla a termine e lasciartela alle spalle.

Alle volte, alcuni capi di abbigliamento possono essere modificati per tornare ad essere su misura per te. Così come alcune relazioni o incombenze.

Dal tuo elenco, sottolinea quegli elementi che non vuoi o non puoi eliminare e prova a trovare delle soluzioni per cambiare la situazione.

Quel collega che ti fa tanto innervosire non si può cestinare, ma forse puoi limitare il tempo che trascorri con lui o circoscrivere la conversazione ad argomenti in comune; ti spazientisci a trovarti imbottigliato nel traffico? Trascorri quel tempo a cantare, o ascoltare la musica o un audiolibro, o magari usalo per chiamare quell’amico che non senti da tempo…


3- ORGANIZZARE (IL GUARDAROBA INVERNALE)

Tira una linea verticale sul foglio della lista e pensa alle risorse di cui disponi: hai di fronte a te degli abiti che non rivedevi da tempo, è il momento di ricordare come ci stavi dentro e perché li avevi scelti.

Compila un nuovo elenco, dove indicare motivazioni, emozioni piacevoli e tue qualità che in precedenza hanno guidato le tue scelte e sostenuto il tuo percorso, aiutandoti a fronteggiare le difficoltà e raggiungere i tuoi obiettivi.

Sono gli strumenti di cui ancora disponi e che possono essere utilizzati anche se intendi fare dei cambiamenti nella tua vita.



4- COMPRARE QUALCOSA DI NUOVO

Il tuo guardaroba di vita ed emotivo sta prendendo forma lì di fronte a te, nella lista che hai compilato e che contiene: ciò che va bene, ciò che va sistemato, ciò che non serve più e risorse da utilizzare.

Eppure hai la sensazione che manchi qualcosa…

Bene, allora riprendi la lista, gira il foglio ed inizia la tua lista della spesa.

Cosa ti manca? Puoi partire da piccole cose, oggetti che desideri o attività che renderebbero più stimolante la tua vita, fino ad osare con obiettivi più grandi o qualità e competenze che vorresti acquisire.

Ricorda che non necessariamente dovranno essere sfide faticose, nella vita è necessario anche concedersi dei momenti di tenerezza, creatività e svago.

Perché non pensare a quel corso di pittura che hai sempre rimandato? O a quel viaggio che aspettavi di fare solo quando fossi stato più tranquillo? O alla cena romantica senza bambini di mezzo…


5- L'ABBINAMENTO VINCENTE

Risolvi a priori il blocco da "non ho niente da mettere".

Ognuno di noi ha un outfit d’emergenza, quello che ci fa sentire sempre bene e mettiamo ad occhi chiusi quando non abbiamo modo di pensarci troppo su.

Nelle liste che hai scritto sul tuo foglio ci sono tutte le combinazioni che possono fare al caso tuo. Quando ti troverai in difficoltà, ti sentirai pressato dalle scadenze o alle prese con un dubbio, dai nuovamente un’occhiata a quello che hai scritto.

Le qualità che hai elencato sono un passepartout per tutte le occasioni, anche quelle impreviste; le cose che ti piacciono sono obiettivi e relazioni che possiedi già e che ti definiscono; quelle che vuoi realizzare sono la scintilla che ti proiettano nell’aspettativa di un avvenire ricco di nuove possibilità.

Senza trascurare che per i punti più spinosi, gli elementi da cestinare o modificare, hai già sfoltito l’elenco e visualizzato delle possibili soluzioni.


L’autunno sarà pure un mese faticoso nel suo ricordarti che nella vita non esiste solo il sole e il relax ma può essere affrontato come una transizione che, se affrontata con una visuale più ampia e leggera, ti consente di andare incontro ai cambiamenti e ai compiti da svolgere con rinnovato entusiasmo e fiducia nelle tue capacità.


L’autunno è la stagione più dolce, e quello che perdiamo in fiori lo guadagniamo in frutti.

Samuel Butler

2 visualizzazioni0 commenti